DDl Concorrenza: mentre tutto tace il Senato compiace..le lobby?

Schhh…parla il silenzio. Tace la stampa, tergiversano i mezzi di informazione mentre sui social impazzano le gif, simpatiche animazioni che “ipnotizzano” l’italiano già ampiamente sedato. Il Ddl concorrenza sornione, un po’ come chi lo propone/propina, avanza nel lungo iter che, dallo scorso anno, ha superato parecchie gimcane. Convinto d’aver finalmente distratto quanti combattono con tenacia,  cavalca impavido per l’ennesima volta la strada della “gravità delle frodi assicurative”.

Staccate i programmi televisivi che ci rovesciano addosso quintalate di autopsie da cronaca nera, interrompete le lamentele del lunedì e leggete, approfondite: la minaccia alla libertà di scelta del carrozziere, il rischio chiusura per le nostre attività è ancora una volta dietro l’angolo!

In assenza di articoli di giornali che diano la sveglia è necessario svegliarsi da sé. Sul sito del Senato della Repubblica ancora oggi troviamo il solito cavallo di troia: l’allarme frodi.

Sarà un problema di memoria lasca, sarà l’apatia da lettura, sarà quel che sarà ma, a quanto pare a loro dire: ”i fenomeni fraudolenti, negli ultimi anni, si sono addirittura intensificati;” . Ecco che riparte la riproposizione di tutta una serie di emendamenti che continuano da anni ad entrare dalla porta, uscire dalla finestra per poi sgusciare nuovamente nel caminetto a mo’ di Babbo Natale fino a travestirsi, sempre in tema carnevalesco, infilandosi persino nelle tubature! Non c’è limite al numero di tentativi che ogni Governo, e persino lo stesso Governo, è in grado di spingere pur di accontentare il multiforme strapotere assicurativo!

In barba ai numeri dati dall’IVASS nel corso della recente audizione del 25 giugno 2015, noncuranti dell’1,8% di sinistri potenzialmente definibili come frodi, un po’ come la nota scimmietta siciliana che non vede, non sente e non parla il Senato ignora l’impossibilità di decretare la portata delle frodi assicurative in Italia e si fa portavoce delle istanze di queste lobby, così sulla parola. Ritorna il leitmotiv delle truffe, che importa se privo di fondamento, avranno pensato “se ha funzionato sino a d ora, perché abbandonare questo valido slogan pubblicitario??”. Questa volta i numeri, con un gioco di prestigio da illusionisti, vengono utilizzati per un vero e proprio numero di magia. Ecco rispolverata la relazione Ivass del 2014 dalla quale si estrapolano numeri mescolati sapientemente come neppure il migliore giocoliere. Dimenticano tutti che compito dell’Ivass sarebbe quello di vigilare sull’operato delle assicurazioni, dimenticano tutti che il numero dei casi di omessa vigilanza è sotto gli occhi di tutti, il caso Fonsai solo per citarne uno. Dimenticano che, pur volendo attenersi ai numeri, in Commissione Finanze è stato detto a gran voce: “non è possibile stimare il numero preciso delle truffe assicurative in Italia ed in ogni caso i relativi sono in nostro possesso unicamente dal 2013”.! Ciononostante, anche dinanzi a tali evidenze, il Senato sostiene ed accompagna per mano Ania, Ivass e le loro amiche proprio come fanno ormai i genitori quando corrono a scuola per lamentarsi con l’insegnante “colpevole” d’aver tentato di esercitare un minimo di autorità per  inculcare qualche briciola di educazione alla civiltà.

Così nel silenzio generale rischiamo tutti di trovarci difronte all’ennesima burla, ma questa volta, non sarà lo scherzo di carnevale, non sarà una semplice goliardata, sarà la chiusura delle nostre attività, sarà la negazione dei nostri diritti come consumatori, come danneggiati e come imprenditori. Un’amara, indigeribile realtà.

Qui di seguito il link da consultare, qualche minuto di pazienza, per leggere con i vostri occhi quel che accade nel silenzio generale!

Emendamenti di Commissione relativi al DDL n. 2085

(link all’articolo originale)

Lascia un commento

… contro il "caro" RCA.