COMUNICATO STAMPA del 17-01-2015

In data 09/01/2015, sul Mattino è comparso il seguente articolo: “Residenza in Campania, Rc auto in Abruzzo per risparmiare: indagate 51 persone”. (1)Tale articolo s’incentra sulla ahinoi conosciuta usanza ad assicurarsi altrove (in modo lecito od illecito) al fine di trovare un vantaggio economico poichè SICURAMENTE Continua a leggere COMUNICATO STAMPA del 17-01-2015

PIU’ CONCORRENZA, PIU’ DIRITTI….verso una Riforma della RCAuto. Roma 9 Aprile 2014

… ebbene sì, la Ns. Associazione prenderà parte attiva al processo di rinnovamento della RCAuto iniziato a Bologna l’11 Gennaio 2014 in risposta alle manovre del governo Letta, insite nell’art. 8 del decreto denominato “Destinazione Italia”. Le ns. proposte – che Continua a leggere PIU’ CONCORRENZA, PIU’ DIRITTI….verso una Riforma della RCAuto. Roma 9 Aprile 2014

MOBAST! incontra il Comune di Napoli. THINK TANK in progress.

Si è tenuto, a Palazzo San Giacomo un tavolo di lavoro con l’associazione MO BAST! (www.mobast.org) per fare il punto sulle azioni da mettere in campo per il contrasto al caro Rc Auto nella città di Napoli. Per il Comune Continua a leggere MOBAST! incontra il Comune di Napoli. THINK TANK in progress.

Dalle proteste alle proposte…. La versione di MO BAST! (aggiornamento continuo)

A margine

Dopo aver letto con attenzione quanto sinora proposto dalle altre associazioni (vedi le 6 proposte di Federconsumatori) mi permetto di illustrarVi la Ns. posizione in merito al “CARO RCA”, facendo una piccola disamina anche delle cause dello status quo.
Continua a leggere Dalle proteste alle proposte…. La versione di MO BAST! (aggiornamento continuo)

Spunto di riflessione.

A margine

09-Dicembre-2012-Corriere-dIl costo delle polizze aumenta. Il costo ed il numero di sinistri diminuisce…ad evidenziare queste discrasie provvederanno forse gli inquirenti quando leggeranno con attenzione l’esposto redatto dall’associazione Mo Bast! con la supervisione dell’avv.to Bozzelli..[download id=”10″]
Ma chi è del settore ricorderà che anche nel 2002 il costo delle polizze s’era impennato oltremodo ma allora ci fu una sentenza del Consiglio di Stato che diede ragione all’Antitrust in merito all’esistenza di un cartello assicurativo tra 38 compagnie che artatamente aumentavano i premi assicurativi di 1/6..
Poco dopo venne alla luce la denuncia di tale Giovanni D’Agata, un liquidatore, che evidenziò come la compagnia assicurativa aumentava il numero di sinistri in modo fittizio per migliorare i parametri da consegnare agli attuarii al fine di valutare le tariffe assicurative…
Dopo circa 4 anni di stagnazione dei premi assicurativi dovuta ad un aumento ispettivo dell’Organo di Vigilanza, dal 2007 in poi, con l’arrivo del risarcimento diretto si è assistito di nuovo ad un’impennata dei prezzi delle polizze…
Questa volta i motivi dell’aumento dei premi non è dovuto solo e semplicemente ad un “cartello” ma ad una CONVENZIONE, caldeggiata anche da varie associazioni di consumatori, che fa del flusso finanziario l’unico motivo di “valutazione del rischio”, paventandola come un INDENNIZZO DIRETTO dell’assicuratore al proprio assicurato…
In realtà queste imprese, in un mercato nient’affatto LIBERO, NON sono più ASSICURAZIONI ma ACCUMULATORI di LIQUIDITA’…
Non si spiegherebbe altrimenti la volontà delle compagnie di liquidare ad ogni costo sinistri SENZA verificarne l’accaduto, SENZA avvisare il presunto responsabile pur di rispettare i tempi liquidativi e accaparrarsi il “forfait” in stanza di compensazione ….per poi applicare il malus agli ignari assicurati od aumentare i premi al “parco buoi” in virtù di “presunte” truffe..
Non si comprenderebbe perché un assicurato modello che da oltre 10 anni non cagiona alcun sinistro nè ne subisce alcuno, diventi un “costo industriale” troppo alto poiché la sua polizza è troppo bassa…
Non si capisce perché nel 2010 sia stato possibile visionare un documento interno dell’Assitalia nel quale la stessa indica che le agenzie che fanno GUADAGNARE MENO DEL 30% (!) vanno chiuse, disdicendo gli assicurati senza distinzione alcuna…
Questa avidità “finanziaria” delle ASSICURAZIONI porta all’elevato costo della polizza RC Auto, che ricordo è obbligatoria, ed al corteggiamento da parte del Governo affinché le stesse comprino BOT e titoli di Stato..
Ma siamo matti ??! Dovè finita l’etica, dove e come è applicata la ratio della mutualità sancita con la Legge 990/69?
Quando i costi dei premi assicurativi erano stabiliti dal CIPE, e parlo di 20 anni or sono, prima della finta “liberalizzazione” del settore, gli uffici liquidativi erano chiamati Ispettorati (nomen omen) ed ai “liquidatori” competeva il controllo diretto di una o più agenzia, da ispezionare, per l’appunto.
Tale rigido controllo sulla congruità dei conti, sulla realtà dei sinistri era dovuto al fatto che le compagnie NON POTEVANO malgestire un sinistro in quanto il costo delle polizze era pressoché bloccato e quindi una mala gestio si ripercuoteva sui bilanci aziendali.
Al momento della finta liberalizzazione – finta perché asincrona in quanto in un mercato comunque forzato e drogato dall’obbligatorietà di Legge – le compagnie hanno preferito contenere i costi vivi di esercizio (leggasi personale interno, qualificato e non e professionisti esterni, periti ed avvocati difensori) a scapito di una peggiore qualità della gestione del sinistro, poiché i relativi costi impropri (aumenti dei risarcimenti, truffe, oneri legali aggiuntivi) potevano semplicemente essere scaricati sugli assicurati l’anno successivo.
E’ accaduto così, che gli ispettorati son diventati dei centri liquidazione danni e gli “ispettori” dei semplici “liquidatori” il cui solo compito era (ed è) di rispettare “tempistiche” gestionali e la formale regolarità della gestione… il loro compito è pagare …. quasi sempre… anche quando c’è odore di truffa.. anche quando il “perito” segnala delle anomalie… anche quando l’assicurato dice di non aver effettuato il sinistro, nè di aver mai percorso una tale strada…
A tutto questo c’è un limite …cca nisciun è fess !
MO BAST!